CS 22-01 Tradizioni, proiezione docufilm su tradizioni natale san Polo Matese

Prot. Int.  2019 /   22 – 01

 

COMUNICATO STAMPA

 

A tutti gli organi di informazione

 

 

Cultura del territorio. Presentazione del film documentario “Girotondo di speranza: un presepe fra incanto e realtà ”

Ultimo lavoro del regista Pierluigi Giorgio

 

Campobasso. Presentazione dell’ultimissimo film documentario ” Girotondo di speranza: un presepe fra incanto e realtà” del regista Pier Luigi Giorgio. Realizzato a san Polo Matese, piccolo comune in provincia di Campobasso alle pendici del Matese, l’autore ha voluto narrare – come è suo stile – scene classiche di un presepe vivente – uno dei primi presepi viventi allestiti in Molise –  in relazione al disagio, alla fragilità, alla violenza e all’intolleranza, vissute dalla società odierna. La narrazione attraverso le immagini si riflette, inoltre, nella lirica di Nuccia Puliatti, l’autrice dei versi che commentano la sequenza del film. Le immagini sono di William Mussini.La proiezione del film documentario, rinviata a causa della copiosa neve nella prima decade di gennaio c.a., avrà luogo giovedì 24 gennaio, alle ore 18:30, presso l’auditorium Celestino V, in via Mazzini, 80, a Campobasso, alla presenza dell’arcivescovo di Campobasso – Boiano S.E. mons. GianCarlo Bregantini e del parroco di san Polo Matese, don Luigi Astarita. Saranno presenti i sindaci dell’area del Matese e le autorità locali. 

 
 
 

L’Addetto Stampa

Rita D’Addona

IL MIO ALBERO DI STRACCI

Quest’anno il mio albero
Sarà un albero di stracci.
Un albero che non tutti
sono capaci di apprezzare.
Un omaggio a chi un Natale non ce l’ ha.
A chi vive tra i meandri della solitudine.
A chi conosce solo la propria sofferenza.
A chi ha perso una persona cara.
A chi non ha pane da mettere sulla tavola.
A chi, nel gelido freddo dell’ inverno
dorme tra i cartoni per le vie deserte.
A chi combatte guerre interiori.
A chi gli orrori delle guerre ha sugli occhi
A chi ha subìto una violenza da un uomo
che diceva di proteggerla e amarla.
A chi è smarrito e non trova più la via.
Quest’ anno il mio albero di Natale
avrà il sapore amaro di ogni schiaffo
ricevuto dalla vita, avrà i molteplici colori
di uno sguardo verso ciò che è…la vita reale.
(Nuccia Puliatti)

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*