CORPUS DOMINI. “Folklore e spiritualità sono sempre inscindibili” .Discorso del vescovo dalla loggia del Municipio.

MESSAGGIO ALLA CITTÀ  dal balcone del Municipio

Carissimi fratelli e sorelle,

a tutti un vivissimo grazie, con la gioia immensa per questa festa.

Ogni anno sempre più bella e sempre più partecipata. Grazie a tutti, alle autorità, ai portatori, alle bande, ai volontari, autorità militari, ai bambini accaldati, oggi più di altre feste.

Con un caldo benvenuto ai tantissimi “ospiti di altre città” convenuti qui, fin dalla Sicilia, per gustare questa meravigliosa festa popolare.

Chi si raccoglie, con un cuore sempre più ammirato per tanto “ingegno” è proprio il nostro Paolo Saverio Di Zinno. E’ il suo anno. L’anno che ne ricorda la nascita, il 3 dicembre del 1718, un anno che inizia oggi, con la festa del Corpus Domini e che si concluderà il 23 giugno 2019, con la solennità del Corpus Domini.

Merita appunto un grande applauso questo figlio illustre della nostra amata città!

 

L’anno del Di Zinno

Ricorda questa geniale figura è oggi per noi una festa. Ed insieme un impegno.

E’ bello, però, notare che questa celebrazione ci vede tutti uniti: Diocesi, Comune, Regione, Sovrintendenza, parrocchie, mondo culturale, realtà sociale, scuole, popolo tutto. Perché è un nome che ci onora tutti. Mettersi perciò tutti insieme, tutti uniti, attorno a questa figura è molto fecondo e vitale.

Perché l’unità paga sempre, ricompensa, crea una città fortificata contro il male. Unico infatti è lo scopo: rendere più bella e più feconda questa nostra città e questa nostra terra. Proprio in questo stile di lavoro unitario, di comunione, di sinodalità vogliamo rallegrarci della creazione del nuovo Governo. Grazie al nostro Presidente Mattarella. Dopo mesi di tensioni ed attese, si è arrivati ad un accordo che auspichiamo possa dare frutti buoni e durevoli. Gli antichi dicevano che “dai parti più difficili, nascono i figli più belli”!

Così per la nuova amministrazione della Regione Molise. Grazie a Toma, vicino a noi tutti. Auguri!

 

I messaggi dell’artista e credente Di Zinno.

Diversi sono i messaggi.

  • In primo luogo, Di Zinno è un grande credente. Ha saputo raccogliere nell’arte sua la forza della fede. La spiritualità che sa poi creare capolavori. Senza fede, nulla si costruisce; nulla rimane; nulla diventa arte! Ed anche in un mondo secolarizzato come il nostro, che sembra aver perso ogni valore, questa nostra manifestazione odierna dimostra che il nostro cuore è sempre orientato verso il cielo. Verso Dio.

Folklore e spiritualità sono sempre inscindibili, come amo ripetere spesso.

I Misteri infatti nascono così: rendere visibile l’invisibile mistero dell’Eucarestia.

Tutta la vita di un popolo, aggregato proprio attorno a questo mirabile mistero eucaristico, vi è qui raccolta! Perché il pane eucaristico viene a raccogliere ogni nostro lavoro. Ecco l’artigiano, con San Crispino; l’agricoltore con San Isidoro; i pastori con San Nicola nella esperienza perenne della transumanza; i carcerati con San Leonardo; il mondo di Napoli, come Capitale, con San Gennaro (con al sua eloquente scritta: commentata oggi nella messa del mattino: “Est nobis, in sanguine Vita!”).

E non manca la malattia guarita, con San Rocco, il monito all’umanità di San Michele, per tutti; la presenza di Maria nella vita nostra quotidiana. S. Maria Maddalena: annuncia! Tutto è qui raccolto. Come Abramo la fede provata e vera! Perché l’Eucarestia diventi vita; e la vita si faccia Eucarestia. Nella logica del Sacro Cuore, nel mese di giugno!

 

  • La passione artistica del Di Zinno è un monito a tutti noi. Ai giovani, ai lavoratori, all’amministrazione pubblica. Ogni lavoro sia fatto con passione ed “ingegno”. Ci sia cura nelle cose; preparazione accurata e saggia; entusiasmo e zelo, voglia di cambiare; dimensione creativa. Non ci siano ripetizioni stanche o comode. Né rassegnate. Di Zinno è stato creativo, innovativo. Questo è ciò che ci vuole, oggi. A tutti i livelli, anche per la chiesa e la società tutta!

Solo così impareremo ad avere una nostra identità di popolo, di popolo molisano, più marcata e meno dipendente da altre regione o da altre terre o culture. Pur in un costante intreccio, come ha insegnato perennemente la esperienza formativa della “transumanza”. Identità e passione. Identità ed incontro. Talento per servire e portare in alto i nostri cuori!

 

  • Ed ecco, allora, il terzo insegnamento che ci affida il nostro grande artista, Paolo Saverio Di Zinno: contemplare il CIELO!

Proprio in questo cielo azzurro, oggi, innalziamo sempre più il nostro sguardo, per contemplare i nostri piccoli: Che si fanno angeli! Angeli di pace. Angeli di intercessione. Angeli di speranza per un domani che ci permetta di costruire qui, in terra la città del cielo, la celeste Gerusalemme. L’Eucarestia, infatti, che oggi festeggiamo, è un perenne invito a “sederci, tutti, uniti, alla tavola del cielo”! Con Colui che è il Signore del cielo e della terra!

 

Ed infine, un affettuoso monito alla città tutta di Campobasso. Raccogliendo la felice coincidenza di tre giorni di festa: Madonna dei Monti, Festa della Repubblica; Festa dei Misteri. Con tre messaggi: “infiorare” il gesto di omaggio a Maria, ma anche alla città tutta! Ogni giorno un fiore significa amare, donare!

La Festa della Repubblica ci impegna a mantenere unito e solido il nostro Paese.  

In piedi. E perciò va custodito sempre il monito che ci lancia il mistero di San Michele: il potere sia sempre servizio! Allora, realmente, l’Eucarestia sarà pane spezzato per tutti; lavoro per tutti; festa per tutti!

Grazie!

 

+ padre GianCarlo, vescovo

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*