Festa del Lavoro. Messaggio del vescovo Bregantini

“FESTA DEL LAVORO

18 maggio 2018, ore 19.30, piazzetta Palombo

Carissimi Artigiani e Lavoratori tutti,

vi raggiungo nella gioia e benedizione per le opere che realizzate con la vostra arte e il vostro impegno per questa terra del Molise. Vi siamo tanto grati. Ecco perché come diocesi abbiamo pensato quest’anno di ideare una vera e propria Festa del lavoro, inserendola nel cammino sinodale diocesano, che sta maturando frutti di fede e speranza dentro nel tessuto vitale del nostro territorio.

Ci battiamo perchè il lavoro sia «libero, creativo, partecipativo, solidale» come riporta fermamente il Papa nella sua esortazione Evangelii Gaudium al n. 192. E’ il motivo centrale che ci coinvolge come Pastorale sociale del lavoro.

Per questo, siete invitati a vivere questo momento di festa e di riflessione, perchè siete voi i veri protagonisti, con le vostre creazioni. Le vostre piccole imprese oggi hanno bisogno di tanto sostegno per un futuro più certo, dove non venga mai meno soprattutto l’amore al lavoro, che si faccia gratitudine sociale e economica per i vostri capolavori.

Come Vescovo e come Chiesa diocesana, ci sentiamo vicini alle vostre quotidiane difficoltà. Mantenete vive e  operative le vostre belle attività. Infatti l’arte ed il bello educa, umanizza, sintetizza, per annunciare quel mondo migliore, che tutti siamo chiamati a realizzare ed abitare. Anzi, lo intravediamo già, in certo modo, nella bellezza delle cose raffinate che sapete fare. Per questo, pensiamo che le vostre botteghe artigianali siano anche laboratori di attività per l’alternanza Scuola-lavoro.

Ci impegniamo quindi perchè il lavoro ci sia per tutti e non manchi a nessuno. Sia  sempre dignitoso, radicato nel rispetto e nella promozione della dignità della persona, inserito nella tipicità della nostra storia molisana, ricca di artigianato finissimo e curato, come l’arte del tombolo o dell’acciaio traforato. Non manchi mai, anche nei giorni della tribolazione, il pane sulle nostre mense. E’ triste quando si chiude un’officina o una bottega artigianale o la porta di una stalla. Ma ogni realtà operativa cresca, vincendo la paura, la corruzione e le prospettive corte, per dare pane alle nostre case e futuro ai nostri figli. Il lavoro ci è necessario per la nostra identità personale e comunitaria.

Da qui, il forte invito a ritrovarci, tutti artigiani ed operai, nella serata del prossimo 18 maggio 2018 a Campobasso presso la piazzetta Palombo, ore 19.30. Pregheremo insieme, rifletteremo con chiarezza, ascoltando le vostre testimonianze, in un momento di festa, come culmine di questo seme del Regno di Giustizia, che pianteremo insieme nelle coscienze, per una fraternità che guarda al domani senza paura.

Sullo sfondo avremo l’immagine preziosissima della Bottega di san Giuseppe, con Maria, la vergine sua sposa e il piccolo Gesù. Paradigma e misura del lavoro quotidiano, dove il pane è spezzato per tutti e con tutti, come conseguimento e consolidamento del bene comune,  prosperità collettiva nei suoi molteplici aspetti, perchè tutti possano goderne e parteciparne nella gioia.

«Non stanchiamoci di fare il bene» (Gal 6,9).

                                                                                                              + p. GianCarlo Bregantini, Vescovo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*